Storia

Vito Volterra
Vito Volterra

Il Centro Vito Volterra e' nato come Centro Interdisciplinare dell'Università di Roma Tor Vergata istituito con Decreto del C.d.A del 9 febbraio 1988 e Decreto Rettorale del 20 luglio dello stesso anno. Con Decreto Rettorale del 30 marzo 1993 e' stato trasformato in Centro Interdipartimentale, con autonomia amministrativa.

A partire dal 1996 dovrebbe trasformarsi in Centro interuniversitario ufficializzando un ruolo nazionale che, di fatto, gia' ricopre da vari anni. Per statuto il Centro Volterra puo' ammettere, in qualita' di membri di commissioni esterne anche studiosi non appartenenti all'Università di Roma Tor Vergata. Le attivita' di ricerca vengono coordinate dal Consiglio del Centro.

 

Il Centro Volterra e' un centro di ricerca, servizi e consulenza, aperto al dialogo e alla collaborazione con individui o istituzioni interessati allo studio, speculativo o finalizzato a scopi precisi, dei sistemi complessi nel tentativo di individuare metodologie generali di modellizzazione, interpretazione e intervento, che integrino quelle tradizionali rivelatesi, da sole, insufficienti al trattamento quantitativo di tali problemi. Il Centro Volterra intende ricollegarsi alla migliore tradizione scientifica italiana rifiutando una netta separazione tra ricerca pura e ricerca applicata: esso incoraggia entrambi i tipi di attività e sopratutto il dialogo tra esse, nel pieno rispetto delle scelte individuali. 


Le attività del Centro si articolano in progetti di ricerca che coinvolgono, in aggregazioni non mutuamente esclusive, membri del Centro e personale esterno. Ad esse si aggiungono seminari a carattere esplorativo e iniziative riguardanti la diffusione delle conoscenze scientifiche. Le aree di ricerca che caratterizzano il Centro non sono predeterminate, ma aperte a stimoli e a proposte esterne. In altri termini: la caratterizzazione culturale del Centro non è stabilita a priori ma dinamica.

Il gruppo trainante del Centro e' costituito da biologi, economisti, filosofi, fisici, ingegneri, matematici e medici i quali hanno recepito quella tendenza internazionale che, negli ultimi anni ha spinto un numero sempre maggiore di cultori delle più diverse discipline scientifiche -dalle scienze biologiche alla matematica, dalla fisica all'ingegneria, dall'informatica all'economia- motivati dall'analisi di problemi specifici, interni alle singole discipline, a porsi il problema di sviluppare un approccio quantitativo ai sistemi complessi utilizzando tra l'altro quelle analogie nelle metodologie di approccio e risoluzione che si riscontrano anche in problemi di natura molto diversa tra loro. Quest'ultimo aspetto pone in risalto il ruolo essenziale dell'interdisciplinarieta' nello studio dei sistemi complessi: la necessita' di fondere insieme competenze, intuizioni e metodologie sviluppate in ambiti e ambienti distanti.

La risoluzione di problemi riguardanti i sistemi complessi richiede in genere, una fase di modellizzazione e una di simulazione. La prima mira alla costruzione di un modello matematico, la seconda alla verifica sia del modello, sia delle soluzioni proposte.

Nella consapevolezza che le singole tecnologie di sviluppo delle componenti hardware e software, incluse le tecnologie matematiche, trovano la loro naturale valorizzazione e finalizzazione in applicazioni di sistema rivolte alla soluzione di problemi del mondo reale, il Centro Volterra affianca, al technology push l'application drive. Lo studio, l'analisi e la modellizzazione di sistemi complessi rappresenta un naturale terreno per il raccordo tra questi due elementi. Tra gli esempi di tali sistemi, di maggiore interesse per il Centro Volterra, menzioniamo:

  • il sistema ambiente naturale (meteorologia, risorse terrestri rinnovabili e non rinnovabili, monitoraggio ambientale,...)
  • i trasporti (di persone e di beni)
  • i sistemi di produzione di beni e di servizi
  • i sistemi di elaborazione, trasmissione e presentazione dell'informazione
  • i processi economici in generale
  • sistemi biomedici complessi, quali la struttura delle proteine o del sistema immunitario.

 

La ricerca pura è incoraggiata con particolare attenzione a quelle tendenze emergenti della matematica (quali la matematica del discreto, la probabilità classica e quantistica, la simulazione, la nuova statistica,...).

Il Centro Volterra riconosce la sua missione teorica nella ricerca del giusto equilibrio tra le due forze propulsive che hanno reso la matematica il linguaggio universale di ogni tipo di modellistica: la libera creatività da una parte e il coraggio di misurarsi con problemi esterni.